• Home
  • Ristoranti e Vini
  • Cucina
  • Salute & Bellezza
  • Intrattenimento
  • Fashion
  • Viaggi
  • Eventi
  • Interviste
AREA RISERVATA

Login to your account

Username
Password *
Remember Me
Back Sei qui: Home Home   Attualità

PALESTRA DELLA MEMORIA

pexels-cottonbro-4057758La Fondazione Mazzali ha dato il via ad un progetto di "Brain Home Fit", ginnastica da casa per la memoria. Un programma di ginnastica casalinga che serve per allentare i declini cognitivi o motori legati all'invecchiamento.

Il tutto è iniziato nel 2019 quando la Fondazione Mazzali Mantova ha lanciato un bando per la progettazione di un programma di esercizio fisico a domicilio. Il concorso, riservato agli studenti del Master di secondo livello in Esercizio-terapia" dell'Università di Verona, è stato vinto dal Dott. Fabio Urro che ha potuto realizzare la sua idea grazie al premio di 3.000 euro, messo a disposizione dalla Fondazione Mazzali.

Il progetto prevede l'utilizzo della piattaforma on-line "B.H.F", tramite la quale i partecipanti, muniti di un computer, potranno collegarsi da casa in qualsiasi momento della giornata e seguire le videolezioni che li seguiranno nello svolgimento degli esercizi.

Per la quattordicesima edizione del "Magico mondo del Cosplay " l'evento dedicato alla moda giapponese di vestirsi come i personaggi dei fumetti, dei cartoni animati e della fantasia si svolgerà in due date!

Per l'evento cosplay più grande d'Italia, migliaia di figuranti in costume, musica e attività animeranno le giornate nel Secondo Parco Più Bello d'Europa: i più piccoli e tutti gli appassionati potranno così incontrare i propri beniamini, per fantastiche foto ricordo tra gli scorci più incantevoli del Giardino e per vivere momenti di puro divertimento.
Non mancheranno: la cosplayer di fama mondiale Giorgia Cosplay che condurrà domenica 6 settembre le sfilate in abiti cosplay, una per i bambini alle ore 16, e una per gli adulti alle ore 17, lo staff Think Comics con un ricco programma di animazione e molto altro!

Sono ufficialmente aperte le iscrizioni alle sfilate e la possibilità di acquistare il biglietto Cosplayer a euro 5,00 valido per l'entrata al Parco nelle due giornate dell'evento! Cliccate qui: https://www.sigurta.it/cosplay

BIENNALE DELLA FOTOGRAFIA FEMMINILE | BFF


Ideata dall'Associazione culturale mantovana La Papessa e con la direzione artistica di Alessia
Locatelli, la Biennale della Fotografia Femminile (BFF) è un evento di respiro internazionale focalizzato sulla produzione fotografica femminile contemporanea. Lo sguardo delle professioniste scelte per la prima edizione del 2020 si è concentrato sul tema del lavoro, osservato nelle sue molteplici forme e manifestazioni.
La Biennale della Fotografia Femminile avrebbe dovuto inaugurare la sua prima edizione il 5 marzo 2020, e riempire la città di mostre ed eventi dal vivo per tutto il mese di marzo, ma l'inizio della pandemia ha fatto sì che tutto il programma venisse rimodulato (BFF Here-Now), scegliendo di recuperare alcuni eventi online, sperimentando poi una seconda chiusura a causa del Lockdown. e rinviando le mostre all'estate e all'autunno 2020, e anche oltre come dimostra questa inaugurazione del 15 luglio 2021,

Dal 15 luglio all'8 Agosto 2021, sarà finalmente possibile visitare una delle mostre concettualmente più forti della BFF: "Women Priests Project" di Nausicaa Giulia Bianchi.

"Women Priests Project" di Nausicaa Giulia Bianchi
Casa di Rigoletto, piazza Sordello, 23. Mantova
15 Luglio - 8 Agosto 2021
Mostra aperta tutti i giorni dalle 9.00 alle 18.00. Ingresso libero.

Nel mondo Cattolico l'ordinazione dei prete donna è ancora vietata e come tale rappresenta ancora un tabù in tutta la comunità Cattolica mondiale. Chi trasgredisce a questa regola viene punita con la scomunica. Ciò nonostante, negli ultimi decenni è nato un movimento internazionale di donne che hanno deciso di disobbedire, facendosi ordinare prete e avviando un processo profondo di rinnovamento spirituale e religioso all'interno delle comunità cattoliche dove vivono. Con Women Priests Project, Giulia Bianchi raccoglie i racconti e i volti delle portatrici di questo cambiamento senza precedenti. Nelle sue immagini evocative ritroviamo scorci di luoghi tanto famigliari quanto carichi di novità grazie al ruolo trasformativo della spiritualità femminile.
Giulia Bianchi Fotografa documentarista profondamente orientata sui temi della spiritualità legata al femminile e al divino. Il suo lavoro documenta la missione di "disobbedienza", rinnovamento e spiritualità condotta dalle donne prete.

BIENNALE DELLA FOTOGRAFIA FEMMINILE
"Women Priests Project" di Nausicaa Giulia Bianchi
Inaugurazione 15 Luglio 2021 h 10.45
Casa del Rigoletto (MN)
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.bffmantova.comBianchi

AL POMA UN’APPARECCHIATURA ALL’AVANGUARDIA

Sciuto-696x392L'ospedale di Mantova sempre più attento alla cura delle patologie dell'occhio: arrivata un'apparecchiatura all'avanguardia. La nuova suite composta dal biometro ottico e dalla tomografia ottica computerizzata del segmento anteriore permette, in maniera non-contact, una valutazione completa delle strutture oculari coinvolte in patologie come il cheratocono, le distrofie corneali, la cataratta e il glaucoma. Lo strumento, acquisito dalla struttura di Oculistica del Poma, rende la valutazione clinica e pre-operatoria dei pazienti più veloce e permette di ottenere immagini ad alta risoluzione.

"Il suo utilizzo – spiega il direttore dell'oculistica Giuseppe Sciuto – ci offre l'opportunità di effettuare diversi esami strumentali come la topografia corneale, che fornisce informazioni sulla cornea utili per la diagnosi di patologie quali il cheratocono o le distrofie corneali, ma anche una tomografia della cornea utile nei casi di trapianto. Per quanto riguarda il glaucoma, l'apparecchiatura permette una valutazione dell'angolo irido-corneale e il monitoraggio della fase post-operatoria nei pazienti trattati chirurgicamente". Inoltre, è possibile effettuare un calcolo preciso delle lenti intraoculari utilizzate nella chirurgia della cataratta anche in casi particolari come la cataratta avanzata, la post-chirurgia refrattiva e le lenti multifocali. Infatti, i dati ottenuti mediante il biometro vengono integrati con quelli ottenuti con tomografia ottica computerizzata del segmento anteriore per ottenere il calcolo più preciso possibile.
Proprio per l'impianto di lenti multifocali l'utilizzo di questo presidio è indispensabile per ottenere il miglior risultato. Queste lenti di ultima generazione sono disponibili anche all'Oculistica dell'ospedale di Mantova e permettono di ottenere una buona acuità visiva sia per lontano che per la distanza ravvicinata. Trattandosi di lenti particolari la selezione del paziente è importantissima e l'utilizzo della suite aiuta l'oculista a effettuare questo tipo di valutazione. Lo strumento sarà connesso in rete con la tomografia per il segmento posteriore dell'occhio in modo da ottenere un imaging completo dalla cornea alla retina. Le immagini saranno consultabili dagli specialisti dell'azienda sanitaria mediante un software dedicato, così come avviene per le immagini radiologiche.

L'uso della tecnologia consentirà di creare una rete tra i vari specialisti per il monitoraggio nel tempo dei pazienti affetti da patologie croniche dell'occhio.

FONDAZIONE MARCEGAGLIA ONLUS: PROTOCOLLO ZEUS A MANTOVA

163786387 1090661631411258 8474177644943952284 nUna società più equa si costruisce lavorando a una cultura di parità e rispetto sia con gli uomini che con le donne.
Uomini e donne devono essere parte attiva di questo cambiamento!
Per questo con il Protocollo Zeus ci impegniamo a tutelare le donne, lavorando con gli uomini.
Scopri di più: http://bit.ly/ProtocolloZeus

MONOCLONALI A MANTOVA

Francesco-Vaia-davanti-allo-Spallanzani-631x420Con gli anticorpi monoclonali, 8-9 persone su 10 non andranno in ospedale" per covid.
Lo ha detto Francesco Vaia, direttore sanitario dell'Istituto Spallanzani, intervenendo a Domenica In.
"Gli anticorpi vanno utilizzati tra il terzo e il quinto giorno della malattia e vanno usati per chi rischia di diventare un paziente grave: ipertesi, obesi, chi ha patologie respiratorie. Queste persone andranno in ospedale e avranno un'infusione di un'ora. Poi andranno a casa" ha spiegato Vaia.

"Ci aspettiamo l'85% di risoluzione: 8-9 persone su 10 non andranno mai in ospedale, questa è un'arma potente per evitare che le persone che si aggravino. Dobbiamo evitare che le persone vadano in ospedale, possiamo farlo con terapie innovative e portando le cure a casa. Chi è da solo a casa e non ottiene risposte da nessuno, cosa fa? Va in ospedale", osserva ancora il medico.
"Gli anticorpi monoclonali costano molto? Costano comunque meno di un passaggio in ospedale o in terapia intensiva. C'è anche un'altra sperimentazione che stiamo portando avanti, siamo in fase 1: anticorpi monoclonali che potrebbero essere somministrati in intramuscolo o per via sottocutanea" ha sottolineato Vaia

 

LAST MINUTE

Natura e Ambiente