• Home
  • Ristoranti e Vini
  • Cucina
  • Salute & Bellezza
  • Intrattenimento
  • Fashion
  • Viaggi
  • Eventi
  • Interviste
AREA RISERVATA

Login to your account

Username
Password *
Remember Me
Back Sei qui: Home Eventi

Eventi

CASALOLDO CELEBRA DANTE

166773464 3921007474647392 4023017180754857008 nLo scorso anno è stata istituita la giornata nazionale dedicata a Dante Alighieri, denominata "Dantedì" e che si celebra ogni 25 marzo. In questa occasione le amministrazioni pubbliche promuovono iniziative per far conoscere la figura e l'opera del Poeta. Quest'anno si celebra inoltre il 700esimo anniversario della morte di Dante, e il Comune di Casaloldo ha predisposto una serie di appuntamenti dedicati. Mercoledì 24 marzo è stato trasmesso sui canali ufficiali Facebook del Comune di Casaloldo, di Casalromano, di Castel Goffredo, di Casalmoro, di Piubega, di Medole e di Guidizzolo e sul canale di Radio Alfa, lo spettacolo di teatro canzone "Dante è Pop", da un'idea dello storico Gian Agazzi e del cantastorie Nicola Armanini. La serata, ricca di canzoni eseguite dalla Piccola Orchestrina di Cantastorie Castellani e racconti che prendono spunto dalla Commedia e da Dante, ha fatto da traino alla première della prima puntata della serie "Casaloldo e la Commedia", un'opera filmica dei registi Luca Angolini e Walter Borghetti. Si tratta di una rivisitazione di 9 dei canti più affascinanti dell'Inferno, ambientati nei luoghi più incantevoli di Casaloldo. Il piccolo comune mantovano vanta infatti una citazione nell'Inferno dantesco, ed in particolare nel XX Canto. Proprio per questo motivo, cento anni fa venne posta una lapide in cima alla torre civica, per ricordare proprio quella famosa terzina che cita i Conti di Casaloldo. Venne inoltre modificata la toponomastica della principale arteria del paese, dedicata da allora al divin Poeta, e fu chiamata con lo stesso nome anche la nuova scuola, inaugurata il 14 settembre del 1921, seicentesimo della morte di Dante. Ma gli echi della Commedia risuonano di continuo nelle vie di Casaloldo: Piazza Virgilio, Via Paradiso, Vicolo Tartaro, la cascina Duranda. Gli altri otto episodi della serie saranno trasmessi con cadenza bisettimanale: l'opera filmica che ne sortirà verrà poi donata dal Comune di Casaloldo alle scuole dell'Istituto comprensivo di Ceresara di cui Casaloldo fa parte, così come a tutti gli Istituti comprensivi del territorio. Sarà un contributo di notevole spessore per ispirare i giovani alla conoscenza e alla lettura della più grande opera italiana di tutti i tempi, nell'osservanza della massima dantesca: "fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza". Alla serie hanno direttamente contribuito 9 cittadini di Casaloldo, ognuno con i propri talenti, proprio per rispettare il multiplo di 3, numero perfetto indicato da Dante nella divisione della sua commedia e nei tipo di versi utilizzati, le terzine. Altri appuntamenti dell'anno saranno il convivio dantesco, che avrà luogo proprio in via Dante, dinnanzi alla Torre civica e in riva al vaso Tartaro, durante il prossimo giugno, mese di nascita del poeta. Infine, il prossimo 14 settembre, l'inaugurazione del nuovo anno scolastico vedrà festeggiare il centenario della scuola elementare "Dante Alighieri" di Casaloldo, con una festa tutta speciale per alunni e insegnanti.

IL NUOVO PALASPORT DI BORGOCHIESANUOVA SARÀ INTITOLATO A MARCO SGUAITZER

marco-sguaitzerIl nuovo palazzetto dello sport di Borgochiesanuova sarà intitolato a Marco Sguaitzer.
A comunicarlo è il sindaco Mattia Palazzi che spiega: "Ieri ho chiesto ad Aiste Andriulionyte moglie di Marco Sguaitzer se è d'accordo nell'intitolare a Marco il nuovo palazzetto dello Sport che abbiamo realizzato a Borgochiesanuova".
"Aiste è felice di questa proposta e lo siamo anche noi, tanto! Il nuovo bellissimo palazzetto dello sport sarà dedicato a Marco Sguaitzer. Lo inaugureremo entro il mese di aprile! Sarà un palazzetto pieno di vita, di giovani e di sport. Il modo migliore per ricordare Marco e i valori che hanno unito tutta la città e oltre nel sostenere la lotta alla Sla"

BACCO TORNA IN FIERA CON IL VINITALY SPECIAL EDITION

pexels-grape-things-2954924Sarà una Vinitaly Special Edition, quella del 2021. Dal 17 al 19 ottobre, la più importante manifestazione internazionale dedicata al mondo del vino e dell'enologia riaccenderà il business nei padiglioni della fiera scaligera. Un appuntamento b2b in presenza, aspettando il 54° Vinitaly.

Oggi, al webinar di presentazione della tre giorni, era presente anche il sindaco Federico Sboarina. Oltre ai vertici di Veronafiere, Maurizio Danese e Giovanni Mantovani. Collegati il ministro delle Politiche agricole Stefano Patuanelli, il sottosegretario agli Affari esteri Manlio Di Stefano, il presidente di Ice-Agenzia Carlo Ferro e l'europarlamentare Paolo De Castro.

"Candido Verona a simbolo nazionale della ripartenza del business e della cultura – ha detto il sindaco -. Il 19 giugno nella nostra città, andrà in scena Operawine, che coinciderà con la serata di apertura del Festival lirico con l'Aida diretta dal maestro Muti. Due eventi internazionali, quindi, che rappresentano altrettante eccellenze veronesi e italiane in tutto il mondo. Un anno senza Vinitaly è stato un duro colpo proprio per questo abbiamo messo in campo tutte le forze per recuperare. Il legame tra Verona e la fiera è indissolubile dal 1898. Non può esistere la fiera senza la città così come la città senza la sua fiera e le grandi manifestazioni internazionali. Nel corso degli ultimi 12 mesi il digitale è stato uno strumento utile, ha sopperito al distanziamento sociale, necessario per combattere la pandemia, ma non può sostituire di certo la presenza del pubblico e la socialità. Il business tornerà ad ottobre".

CENTRALE DEL LATTE SUGLI SCUDI

pexels-marta-dzedyshko-6341410Utile da record, nell'anno del Coronavirus, per la Centrale del latte di Brescia. L'azienda controllata dal Comune e guidata da Franco Dusina, infatti, ha chiuso il 2020 con un profitto di ben 3,3 milioni di euro.

A BARDOLINO I PRIMI BAGNI AUTOPULENTI

513A7aBvCL. AC SL1000 Arrivano a Bardolino i primi bagni pubblici autopulenti. A seguito della delibera di Giunta dello scorso novembre, in cui fu approvato il progetto esecutivo e della successiva indagine di mercato finalizzata all'individuazione degli operatori economici interessati, ora inizieranno i lavori per la posa delle prime due strutture in sostituzione di quelle esistenti di Piazzale Aldo Moro e Via Fosse.

Successivamente verranno installati altri quattro bagni di questo tipo, soprattutto a servizio delle passeggiate sul lungolago e delle spiagge, quindi Passeggiata Rivalunga, Lungolago Cipriani, Riva Mandracci, Passeggiata Cisano-Lazise.

NEL BRESCIANO MANCANO 8 MILA RESIDENTI

pexels-rene-asmussen-325690Al 31 dicembre 2020 la popolazione residente in Italia è diminuita di circa 384mila unità rispetto all'inizio dell'anno: 59.257.566 sono infatti i residenti in Italia, 0,6 per cento in meno rispetto al 2019. È questo – lo sostiene il report «La dinamica demografica durante la pandemia Covid-19 | Anno 2020» pubblicato dall'Istituto Nazionale di Statistica – uno degli effetti negativi prodotti dalla pandemia Covid-19 che fa registrare anche un netto calo di nascite, ai minimi storici dall'Unità d'Italia. Secondo il recente rapporto dell'Istat, nel 2020 in provincia di Brescia bisogna fare i conti con 8mila residenti in meno, un numero che si deve alla somma delle mancate nascite e dei molti decessi (oltre 3.800 quelli dovuti al Covid). Sedicimila sarebbero i morti nel 2020, e novemila le nascite.

In tutta Italia – i dati sono contenuti nel rapporto – i bambini nati nel 2020 e iscritti all'anagrafe sono stati 404.104, il 3,8 per cento in meno rispetto al 2019. I decessi invece sono cresciuti del 17,6 per cento.

"Le ragioni della denatalità – si legge nel report – vanno ricercate anche nei fattori che hanno contribuito al trend negativo dell'ultimo decennio (progressiva riduzione della popolazione in età feconda e clima di incertezza per il futuro). Il senso di sfiducia generato nel corso della prima ondata, soprattutto al Nord, può aver portato alla decisione di rinviare la scelta di avere un figlio. Al contrario, il clima più favorevole innescato nella fase di transizione può avere avuto effetti benefici transitori, poi annullati dall'arrivo della seconda
ondata".

 

Sottocategorie

LAST MINUTE

Natura e Ambiente