• Home
  • Ristoranti e Vini
  • Cucina
  • Salute & Bellezza
  • Intrattenimento
  • Fashion
  • Viaggi
  • Eventi
  • Interviste
AREA RISERVATA

Login to your account

Username
Password *
Remember Me
Back Sei qui: Home Home   Notizie

La Festa dei Fiori di Montisola si farà nel 2022

L'evento di Carzano viene organizzato ogni cinque anni. L'edizione del 2020 è saltata a causa della pandemia, ma ora il comitato ha deciso di saltare anche il 2021. Ai primi di maggio potremo trovarci per decidere il da farsi – aveva spiegato la responsabile dell'organizzazione, Loredana Soardi – Il piano per la sicurezza dell'evento prevede 15mila presenze al giorno. All'ultima edizione non si riusciva a passare per le vie. Senza il via libera della Prefettura non possiamo organizzarla".
Ma ora la Festa dei Fiori è stata rinviata addirittura al 2022, così come altre manifestazione.

Cuore di donna

Synlab Santa Maria sceglie di parlare alle donne con il progetto "Cuore di donna". Al centro dell'attenzione il rischio cardiovascolare femminile, un tema estremamente sottovalutato nella nostra società. Quante e quanti di noi sanno che il Killer numero uno per le donne non è il cancro al seno o all'utero, ma la cardiopatia ischemica?
Cuore di donna è un progetto di sensibilizzazione e informazione utile per ogni donna del territorio. Mette a disposizione un vademecum informativo scaricabile gratuitamente sul sito del poliambulatorio e contenente consigli e pillole esplicative sulla cardiopatia ischemica femminile. Oltre a dare la possibilità di accedere a un percorso digitale composto da una serie di video realizzati con la collaborazione della Dottoressa Barbara De Cristan, Medico Chirurgo Specialista in Cardiologia dell'Adulto, Cardiologia Pediatrica e dell'Età Evolutiva, Cardiologia dello Sport di Synlab Santa Maria.

Le videopillole di approfondimento vengono pubblicate "a puntate" e sono disponibili sul canale youtube di Synlab Santa Maria e sulla pagina Facebook ufficiale del Poliambulatorio con sede a Vobarno.

Online il sito “Mantova Fortezza”

E' online il sito "Mantova Fortezza", realizzato dalla società di Palazzo Ducale con il contributo di Comune di Mantova, Fondazione Cariplo, Comuni di Borgo Virgilio, Curtatone, Motteggiana e Roncoferraro. Si tratta di un progetto articolato e completo che documenta storicamente lo sviluppo del sistema difensivo e l'architettura delle fortificazioni della città, supportato da una serie di disegni, documenti e immagini d'epoca. I contenuti del sito sono frutto di un approfondito lavoro curato da una qualificata équipe di studiosi: Guglielmo Calciolari, Danilo Cavallero, Claudia Bonora Previdi e Francesco Rondelli in collaborazione con Lucia Cavallero, Maurizio Ottorino Ghizzi, Elena Ronconi e Carlo Togliani. Oltre ai contributi di diverse istituzioni locali, nazionali e internazionali, il sito contiene molte immagini storiche della Mantova che fu, dalla Cittadella di Porto alle tante caserme, dal forte di Pietole a quello di Fossamana. Mantova Fortezza, realizzata su design MasterStudio, è accessibile dai siti web di Comune di Mantova e Società di Palazzo Ducale, o direttamente all'indirizzo www.mantovafortezza.com

Giardini del Garda salta a settembre

Con rammarico gli organizzatori hanno comunicato che l'evento I Giardini del Garda sul lungolago di Salò nei giorni 16,17 e 18 aprile non si farà. L'evento previsto per il mese di settembre è stato invece confermato per i giorni 10, 11 e 12 settembre. Davvero positivo il bilancio dell'edizione di settembre 2020 che ha visto la presenza di ben 75mila visitatori in tre giorni, il tutto naturalmente è avvenuto nel pieno rispetto delle norme anti Covid. Ed è stato proprio sull'onda di questo ottimo risultato che ha spinto gli organizzatori a prepararsi per tempo all'edizione di aprile 2021

Riecco a Casalmoro l’antico dipinto appena restaurato

Torna a casa, nella chiesa di Santo Stefano, il dipinto restaurato de "L'ultima Cena di Gesù". Olio su tela di lino del XVII secolo, composto da tre teli cuciti per un totale di 280 per 185 cm, il dipinto è stato realizzato da un artista anonimo di ambito bresciano, probabilmente appartenente alla scuola del Moretto e del Romanino. Per questa sera, durante la celebrazione del Giovedì Santo, i fedeli potranno ammirare l'opera che mancava da un anno per il restauro. Un'iniziativa partita dallo stesso parroco del paese don Giovanni Tosoni che, in accordo con gli abitanti di Casalmoro, ha deciso di mettere da parte il denaro delle offerte della parrocchia e di contattare il restauratore Gianluca Bottarelli di Canneto Oglio per recuperare il quadro di valore. Anche i bambini di quarta elementare, con l'insegnante di religione Alessia Mutti, hanno contribuito con un progetto volto a divulgare e far conoscere l'importanza di prendersi cura del patrimonio artistico locale.

ll festival Tener-a-mente ci sarà

Tener-a-mente 2021 ci sarà: per il festival di Gardone molti artisti hanno già confermato la loro presenza, con moltissimi altri, già noti o non ancora annunciati.

Nasce Aqa, la società di Tea che gestirà il servizio idrico in quaranta comuni mantovani

Dalla fusione di Tea Acque e AqA Mantova nasce AqA, la società del Gruppo Tea che da domani sarà il gestore del servizio idrico integrato in quaranta comuni della provincia e punto di riferimento per oltre trecentomila cittadini mantovani.
La Società è stata presentata oggi alla stampa da Massimiliano Ghizzi, presidente del Gruppo Tea, Vinicio Fiorani e Giovanna Pesente, rispettivamente presidente e amministratore delegato di AqA.
"E' un progetto che parte da lontano – spiega Massimiliano Ghizzi – in cui la fusione tra le due anime idriche di Tea ha l'obiettivo di ottimizzare l'organizzazione del servizio in sé, ma anche di compiere un lungo passo in avanti nella direzione del gestore unico provinciale, di cui AqA è società veicolo come definito dagli enti competenti".

Il nuovo gestore servirà il 75% circa del territorio mantovano per i prossimi 16 anni. AqA gestirà il ciclo completo dell'acqua, dal prelievo alla depurazione. Ai 40 comuni che già fanno parte di Aqa, entro fine anno dovrebbero aggiungersi Viadana e Gazzuolo oggi gestiti da IReti. Rimarrebbero fuori i 7 comuni gestiti da Aimag, che entreranno comunque entro il 2025, scadenza per la costituzione del gestore unico, e quelli gestiti da Sicam "con la quale – è stato spiegato – sono in corso da tempo attività e confronti per arrivare al gestore unico".
Con l'arrivo di Aqa nulla cambierà in ogni caso per quelli che erano gli utenti di Tea Acque e Aqa Mantova per quanto riguarda tariffe e bollette.
"Innovazione e sostenibilità – sottolinea Vinicio Fiorani – sono i valori sui quali la nuova realtà fonda la costruzione del proprio futuro al servizio dell'acqua e che trovano concreta applicazione nelle linee di indirizzo del cospicuo piano di investimenti che, con il rinnovo della concessione, è stato raddoppiato e ammonta a 87 milioni di euro nel prossimo triennio, per superare i 300 milioni al 2037".

Gli investimenti riguardano il completamento della rete acquedottistica nei comuni che ne sono ancora privi e quindi Sabbioneta, San Benedetto Po, Pomponesco, Villimpenta e Commessaggio. In quest'ultimo l'acquedotto è in fase di realizzazione, "a da qui ci sarà un prolungamento dell'adduttrice verso Sabbioneta, si ipotizza tra il 2023 e il 2024" ha spiegato Giovanna Pesente.
Previsto poi il potenziamento del rifornimento idrico da falda, per tutti gli schemi acquedottistici in gestione e rilevanti interventi sulla rete fognaria e sui depuratori, per migliorare il trattamento, l'efficientamento energetico e il sistema di telecontrollo e di automazione con il fine di razionalizzare il numero degli impianti

"Si apre una fase nuova e stimolante per la vita della società – commenta Giovanna Pesente – in cui tutti noi che raccogliamo la straordinaria eredità che ci viene affidata da Tea Acque in particolare dovremo impegnarci per dar vita a un soggetto imprenditoriale dinamico, sensibile alle necessità del territorio e capace di sviluppare progetti innovativi per garantire una risorsa di altissima qualità, nel pieno rispetto dell'ambiente".

"AqA è attualmente partecipata al 14,08% dal socio privato ADC, il medesimo che era in Tea Acque. Al momento è una srl ma nel giro di poche settimane si trasformerà in spa, con un capitale di circa 3,7 milioni di euro, così come previsto dal Piano d'Ambito che ha previsto anche l'opzione di sottoscrizione di quote dedicata a Sicam. Come è noto, l'obiettivo è di arrivare alla costituzione di un soggetto totalmente pubblico entro il 2025 – conclude Massimiliano Ghizzi -, ma ciò potrebbe verificarsi molto prima se l'altro gestore dell'Alto mantovano deciderà di farne parte".
A tal proposito è stato spiegato che, così come previsto dal Piano d'Ambito, Sicam entrerebbe nella nuova società sottoscrivendo il 25% delle quote di Aqa. Ci sono resistenze di tipo politico? E' stato chiesto in conferenza stampa "La Conferenza dei sindaci e il Consiglio provinciale hanno espresso chiaramente la volontà del territorio di arrivare al più presto al gestore unico e di chiudere questo processo per permettere il via agli investimenti. E' logico che ci sono però delle resistenze, altrimenti saremmo già arrivati all'obiettivo" ha risposto Ghizzi.

Festival della Sostenibilità sul Garda

É stata presentata mercoledì 24 marzo in conferenza stampa la quinta edizione del Festival della Sostenibilità sul Garda in programma dal primo al 30 aprile.

Ideato dall'associazione L.A.CU.S. presieduta da Luigi Del Prete e realizzato in collaborazione con la Comunità del Garda e con Garda Sostenibile, si svolge dal 2017 tutti gli anni nello stesso periodo su tutto il territorio del Lago di Garda. Per celebrare l'Anno Speciale dell'Enciclica Laudato Si proclamato da Papa Francesco il 24 maggio 2020, il Festival si svolgerà per tutta la primavera in due fasi: la prima, ad aprile come tutti gli anni, la seconda, straordinaria, sarà presentata entro fine aprile e relativa ai mesi di maggio e giugno.

Tra i tantissimi eventi in programma, tutti resilienti e a prova di Covid -19, è previsto un appuntamento speciale in occasione del cinquantesimo anniversario dell'Associazione Storico Archeologica della Riviera del Garda. Nel corso della mattinata sono intervenuti, tra gli altri, il segretario generale della Comunità del Garda Pierlucio Ceresa e il vice presidente della Comunità del Garda Filippo Gavazzoni il quale ha sottolineato l'importanza della condivisione delle tematiche relative al lago di Garda ed alla sostenibilità per creare, a tal proposito, una sempre maggiore consapevolezza.

Esportazioni, il 2020 per il mantovano si chiude col segno negativo

Si è chiuso con una diminuzione per le esportazioni mantovane (influenzata dagli effetti che l'emergenza Covid-19) il 2020: questo secondo i dati Istat. L'analisi curata dal Servizio Informazione e Promozione Economica della Camera di Commercio e dal Centro Studi di Confindustria Mantova, con la collaborazione del Consorzio Mantova Export, mostra infatti un calo delle esportazioni pari al -7,6%, rispetto allo stesso periodo del 2019, per un ammontare di 6.079,3mln di euro.

Bilancio negativo anche per Lombardia e Italia con una variazione rispettivamente del -10,6% e del -9,7%. Nel panorama regionale tutte le province mostrano segno meno, con la sola eccezione di Sondrio; Mantova si colloca in quinta posizione, preceduta da Sondrio, Lodi, Monza Brianza e Varese. In fondo alla classifica troviamo invece Pavia, Como, Milano e Cremona. Nel mantovano le importazioni ammontano a 4.253,8mln di euro con una variazione del -14,4%; il saldo commerciale si conferma positivo, con un valore di quasi 1.825,5 MLN di euro.

Considerando i principali comparti esportatori, valori positivi si registrano solo per prodotti alimentari e bevande (+13%), apparecchi elettrici (+5,7%) e per i prodotti tessili (+18,5%); pur con una incidenza ridotta sul totale delle esportazioni si segnalano variazioni positive a due cifre per i prodotti dell'agricoltura e per gli articoli farmaceutici e chimico-medicinali. Le performance peggiori: articoli di abbigliamento (-23,7%), sostanze e prodotti chimici (-16,9%) e mezzi di trasporto (-15,4%). A questi si aggiungono anche gli articoli in pelle (-12,5%), i prodotti in metallo (-8,5%) e i prodotti in legno, carta e stampa (-10,8%). Sempre con segno meno, ma con valori migliori rispetto alla media provinciale, troviamo gli articoli in gomma e materie plastiche (-7,5%), i prodotti delle altre attività manifatturiere (-2,4%) e i macchinari (-1,2%). In ripresa, invece: coke e prodotti petroliferi (+15%), articoli in gomma e materie plastiche (+3,9%), macchinari (+13,7%), prodotti dell'agricoltura (+13,8%), prodotti tessili (+1,2%), apparecchi elettrici (+7,1%) e articoli in pelle (+2,6%). Registrano, al contrario, un calo i prodotti in metallo (-31,8%), le sostanze e i prodotti chimici (-21,1%), i mezzi di trasporto (-25,1%), gli articoli di abbigliamento (-24%), i computer, apparecchi elettronici e ottici (-10%) e i prodotti delle altre attività manifatturiere (-17%). Sempre con segno meno si segnalano anche i prodotti alimentari (-2,6%) e i prodotti in legno, carta e stampa (-1,8%).

L'analisi dell'andamento delle esportazioni della provincia di Mantova per paesi di sbocco evidenzia un calo verso i principali partners commerciali europei: Germania (-4,9%), Francia (-8,1%), Spagna (-12,4%), Regno Unito (-12,1%), Polonia (-14,2%), Belgio (-9,6%), Austria (-8,1%), Paesi Bassi (-7%), Svizzera (-8,2%), Ungheria (-7,3%), Repubblica Ceca (-15,7%). Segnali di rallentamento emergono poi per Stati Uniti (-1,2%), Russia (-15,3%), Corea del Sud (-27%), Hong Kong (-30,3%) e Giappone (-34,7%), mentre in ripresa risultano gli scambi verso Turchia (+10,2%) e Cina (+54%). Pur incidendo in misura minore sul totale delle esportazioni, si segnala anche un forte aumento delle esportazioni verso il Canada e la Thailandia. Le importazioni vedono cali considerevoli da Turchia, Cina, India, Corea del Sud, Indonesia, Vietnam, Stati Uniti e Giappone; contrazioni anche per quanto riguarda Germania (-0,3%), Spagna (-15,8%), Slovenia (-31%), Austria (-1%), Ungheria (-8,4%) e Polonia (-14,9%). Al contrario si evidenzia una ripresa da Francia (+1,9%), Belgio (+9%) e Paesi Bassi (+3,9%), segnalando anche un forte aumento delle importazioni dall'Arabia Saudita, dall'Ucraina, dalla Finlandia e dall'Egitto.

Complessivamente per l'economia mantovana si registra un 2020 in difficoltà sul fronte degli scambi internazionali, con valori negativi anche se in maniera meno marcata rispetto ai dati nazionali e regionali. Le speranze di ripresa riposte nel 2021 risultano ancora molto incerte a causa della diffusione ancora persistente del Covid-19 sull'intera economia mondiale. A livello nazionale, i primi mesi del nuovo anno si pongono in continuità con la parte finale del 2020, caratterizzati da una alternanza di fasi di maggiori restrizioni con periodi di allentamento delle misure. "Nel complesso del 2020 l'export è caduto del 7,6% nel Mantovano (9,7% il dato nazionale) – spiega il presidente di Confindustria Mantova Edgardo Bianchi -, ma con una progressiva e accidentata risalita dopo il crollo iniziale: tale recupero è stato trainato dalle vendite in Germania, USA e Cina. Secondo gli ordini manifatturieri esteri le prospettive per il 2021 sono abbastanza positive, specie nei beni intermedi e di investimento, grazie al rafforzamento della domanda in mercati esteri chiave (Europa e Nordamerica)".

Alessandro Dotti, direttore del Consorzio Mantova Export, aggiunge che "negli ultimi mesi abbiamo notato un aumento sia nel numero delle imprese intenzionate ad allargare la propria presenza nei mercati esteri che in quelle che si sono affacciate per la prima volta al commercio estero; questo è certamente legato alle difficoltà che le restrizioni dovute alla pandemia hanno causato al mercato interno, ma è anche un segnale forte della determinazione delle imprese a superare questo momento difficile".

Gardaland pronto ad aprire in sicurezza a fine aprile non appena le autorità lo consentiranno

"Gardaland è pronto ad aprire in sicurezza i cancelli a fine Aprile per una nuova fantastica stagione ricca di divertimento ed eccezionali novità, afferma il dott. Aldo Maria Vigevani, Amministratore Delegato di Gardaland. "Ovviamente, siamo consapevoli dell'attuale situazione ma confidiamo nelle misure che il Governo ha varato e nelle indicazioni che verranno date nel prossimo Dpcm per le attività nella primavera inoltrata."

La ripartenza della stagione di Gardaland è fondamentale anche per la tutela dell'occupazione dei 230 dipendenti fissi, attualmente in FIS (Fondo Integrazione Salariale), e degli oltre mille lavoratori stagionali – che il Parco coinvolge in una stagione regolare e completa – oltre che per il rilancio dell'economia del territorio grazie alle aziende dell'indotto.

Il Parco Divertimenti gardesano guarda al futuro con ottimismo e si prepara ad inaugurare a metà maggio LEGOLAND® Water Park Gardaland, primo Parco Acquatico LEGOLAND® d'Europa e il primo al mondo costruito in un Parco Divertimenti non a marchio LEGOLAND®, per il quale è stato stanziato un investimento di ben 20 milioni di euro. "Siamo certi che l'apertura di LEGOLAND® Water Park Gardaland, vista l'importanza internazionale del brand LEGO® contribuirà a rafforzare la nostra posizione come primaria destinazione del divertimento, in particolare per famiglie", continua il dottor Vigevani. Nel cantiere si sta ultimando il Portale d'Ingresso, che permetterà di accedere ad un fantastico mondo di mattoncini LEGO® e si sta preparando il riempimento delle vasche mentre già spiccano gli immensi scivoli colorati tutto intorno.

Ma le novità coinvolgono anche molte delle aree più iconiche del Parco: "Gardaland non si è mai fermata e ha approfittato del periodo di chiusura forzata anche per svolgere un'intensa attività di manutenzione straordinaria per migliorare l'esperienza di diverse attrazioni" racconta il dott. Vigevani.

Nuovi binari hanno sostituito le rotaie originarie di Shaman, così da migliorare l'esperienza sulle prime montagne russe del Parco, realizzate nel lontano 1984. Nonostante il percorso non abbia subito variazioni, le migliorie consentiranno un volo più fluido, scorrevole e immersivo. Inoltre, le colonne di sostegno dell'attrazione sono state tematizzate per rendere l'esperienza ancora più spettacolare. Non sono mancati lavori di restauro e abbellimento – rigorosamente a mano con lavori artigianali – delle scenografie di due apprezzatissime attrazioni per bambini, DoremiFarm e FunnyExpress. E per aumentare il comfort degli Ospiti a bordo di Blue Tornado e migliorare la loro esperienza di "volo" – è stata resa più comoda la seduta grazie ad una speciale imbottitura dei paraorecchie e dei sedili.

Infine, la gettonatissima attrazione Volaplano è pronta a ripresentarsi agli Ospiti in una nuova veste: gli aeroplanini tornano infatti a "volare" sul Fantasy Kingdom e, in tema con la grande novità 2021, la struttura che sovrasta la partenza degli aeroplani verrà ridipinta con i colori che richiamano proprio il mondo LEGO®.

In attesa del via libera all'esecuzione anche degli show indoor – che prevedono la novità 2021 Wonder Woman – The 4D Experience, uno speciale adattamento della potente storia cinematografica ad alta tensione, esaltata da straordinari effetti speciali e dall'uso degli speciali occhialini, che catapulterà gli spettatori nell'avventuroso mondo dell'amazzone più famosa del cinema – Gardaland prepara anche tanti spettacoli outdoor come 44 Gatti Rock Show che tornerà a divertire i bambini dopo il grande successo dello scorso anno.

Massima attenzione da parte di Gardaland anche alla Sicurezza. Il Protocollo sviluppato lo scorso anno – per il quale era stato stanziato ben 1 milione di euro – ha funzionato e continuerà ad essere applicato anche nel 2021 con l'aggiunta di ulteriori miglioramenti. "La limitazione degli ingressi giornalieri e la prenotazione obbligatoria della data di accesso al parco, dichiara il dott. Vigevani, unitamente a tutte le altre misure adottate per garantire distanziamento e sanificazione, hanno funzionato, tanto che non è stato registrato nessun contagio tra gli ospiti. Quest'anno aggiungeremo ulteriori facilitazioni per l'accesso alle attrazioni e il miglioramento dell'APP QODA per la gestione delle code"

Dal piccolo Carlo un uovo di Pasqua speciale per la Questura

Un uovo di Pasqua speciale quello ricevuto dalla Questura: a donarlo il piccolo Carlo che con questo gesto ha voluto ringraziare tutti coloro che gli hanno permesso di realizzare uno dei suoi sogni più grandi, ovvero diventare poliziotto per un giorno. Un desiderio che la Questura aveva realizzato lo scorso 2 agosto del 2020 in occasione dell'ottavo compleanno del piccolo.

"Carlo è un bambino unico con un cuore grande. La sua tenacia ed il suo sorriso sono per noi un esempio di cui farne tesoro – hanno detto dalla Questura -. Grazie piccolo 'guerriero' per il dono che ci hai riservato. Il nostro pensiero è rivolto a te e a tutti i bambini di Mantova a cui auguriamo, in questo particolare momento, di trascorrere un sereno giorno di Pasqua circondati dall'affetto dei propri cari. Noi ci siamo e ci saremo sempre. Buona Pasqua".

LAST MINUTE

Natura e Ambiente