AREA RISERVATA

Login to your account

Username
Password *
Remember Me
Back Sei qui: Home

Articoli

NATO IL CONTRATTO DI LAGO PER IL GARDA

IMG 5875-2

I sindaci dell'area gardesana veronese, lunedì pomeriggio, hanno sottoscritto e condiviso il "Contratto di Lago per il futuro del bacino benacense". Insieme a loro, la stragrande maggioranza di quelli della sponda bresciana, da Sirmione a Toscolano Maderno, da Salò a Gardone, e una buona rappresentanza di quelli mantovani hanno firmato il documento che introduce una visione completamente nuova nella gestione del lago. Per la prima volta, infatti, 24 primi cittadini di province e regioni diverse, oltre ai presidenti della Comunità del Garda, Azienda Gardesana Servizi, di Garda Uno e ATS Garda Ambiente, hanno fatto proprio un documento in cui si impegnano a collaborare per un governo unitario e condiviso del Garda."Contratto di Lago per il Garda
„L'assemblea dei sindaci si è tenuta nel pomeriggio del 28 ottobre a Peschiera e nel momento ufficiale, che rappresenta il culmine di mesi di intenso lavoro, è stata presieduta dai presidenti della Comunità del Garda Mariastella Gelmini, di Azienda Gardesana Servizi Angelo Cresco, di Garda Uno S.p.A. Mario Bocchio e di ATS Garda Ambiente Giovanni Peretti. Presenti oltre al sindaco di Peschiera Orietta Gaiulli, l'assessore regionale Elisa De Berti, il presidente di Confcommercio Verona Paolo Arena, di Lago di Garda Veneto Paolo Artelio, il segretario generale della Comunità del Garda Pierlucio Ceresa, il consigliere regionale Enrico Corsi, l'assessore del Comune di Peschiera del Garda Filippo Gavazzoni e il consigliere delle Funivie del Baldo Paolo Formaggioni."Contratto di Lago per il Garda
„«Oggi per il Garda è una giornata storica – ha sottolineato il presidente Cresco – perché sono cadute le barriere e, per la prima volta, i Comuni di province diverse hanno capito che il lago non ha confini. Con questa firma si è sancito che i problemi del lago riguardano tutti e non solo una parte, per questo abbiamo avviato un progetto che riguarda il territorio di tutte le province. Ringrazio i sindaci, che sono gli elementi portanti di questo contratto, e tutti i rappresentanti del mondo economico presenti. Noi dobbiamo lavorare insieme e utilizzare le leggi esistenti e le direttive europee per difendere il nostro lago e il nostro ecosistema. Quella di oggi è una tappa decisiva che abbiamo realizzato con la cooperazione di tutti i sindaci su precisi obiettivi. Ci vogliamo battere contro i rischi ambientali, in primo luogo partendo dall'innovazione tecnologica del collettore e del depuratore, per la salvaguardia dell'ambiente, del territorio e dell'economia turistica»."

LAST MINUTE

Natura e Ambiente