AREA RISERVATA

Login to your account

Username
Password *
Remember Me
Back Sei qui: Home

Articoli

C’È ANCHE UNA SANITÀ DEI MIRACOLI.

FOTO APERTURA

Sanità italiana: consensi e diatribe. Stiamo certamente vivendo una fase tremendamente critica della storia della Sanità italiana. L'inaudita cecità dei nostri governanti nel gestire il settore più delicato della società, quello della salute, non ha garantito agli ospedali ed alla classe medica risorse economiche vitali per sostenere un servizio sanitario adeguato nel futuro immediato. I disservizi che da tempo si vivono nelle eterne attese per gli esami diagnostici e per le visite mediche, nonché nei pronto-soccorso e nei ricoveri, finiscono così spesso per ripercuotersi sul rapporto medico-paziente, influenzando negativamente l'opinione dei malati e dei relativi familiari sull'incolpevole personale medico e paramedico. Non ci si rende conto che questo opera in numero gravemente insufficiente, con retribuzione economica da metalmeccanici e spesso gratificazioni inesistenti. Non meravigliamoci che sia in atto una fuga dei medici ospedalieri italiani verso i Paesi europei confinanti, dove si lavora in modo ortodosso e con stipendi tripli rispetto ai nostri. Seppure non sia un dato indice di qualità, si pensi che in Italia abbiamo 2,5 posti letto ogni mille abitanti, contro gli 8 posti letto del Giappone. Diciamocelo apertamente, i problemi nel Servizio Sanitario Nazionale sono seri, specie al sud, ma la qualità media dell'operatività dei medici italiani è di tutto rispetto, con innumerevoli esempi di alta efficienza, e professionalità d'insuperabile livello in svariati settori. Le negatività esistono, come in ogni settore, ma non devono falsare il giudizio globale di chi si occupa della nostra salute. Certamente nei nostri giudizi siamo influenzati da famose serie di telefilm confezionati ad hoc, che mostrano attrezzatissime cliniche, aitanti medici infallibili che assicurano super-assistenza e matematica guarigione, ma la realtà è ben diversa, anche nei decantati ospedali USA. Che reputazione hanno a livello internazionale i circa 1000 istituti di cura italiani e i 100mila medici che vi operano?Ogni anno la multinazionale Bloomberg pubblica la classifica dei Paesi con il sistema sanitario più efficiente al mondo. Si tratta di un'indagine rilevante, che include solo i Paesi più evoluti. Nel 2019 il podio ha assegnato al primo posto a Hong Kong, seguita da Singapore, assegnando il bronzo alla Spagna. L'Italia è riuscita a conquistare un inaspettato 4° posto. Subito dopo si sono posizionati: Corea del Sud (quinto posto), Israele (sesto), Giappone (settimo) seguito da Australia, Taiwan ed Emirati Arabi. È evidente l'assenza di altri grandi Paesi europei nelle prime posizioni della classifica. Ancor più lontani gli USA. L'esito finale della classifica di Bloomberg dipende infatti da due fattori: aspettative di vita e costo del sistema sanitario. Non a caso a ricoprire le prime posizioni vi sono Paesi avanzati con costi bassi e un'aspettativa di vita alta. Seguendo questo filone, non sorprende trovare tra le ultime posizioni gli Stati Uniti, con un'aspettativa di vita pari agli altri, ma un costo quattro volte superiore. Il sistema sanitario italiano avrà i suoi difetti ma non si può non notare il fatto che i servizi garantiti (rispetto ai costi relativi) siano comunque al di sopra di molte altre realtà europee. Queste sono le statistiche, ma in fatto di "qualità" ed efficienza di Sanità prodotta come ci collochiamo (che è poi quel che ci interessa)? Anche da questo aspetto possiamo ritenerci all'avanguardia.....LEGGI MCG!

LAST MINUTE

Natura e Ambiente