AREA RISERVATA

Login to your account

Username
Password *
Remember Me
Back Sei qui: Home Attualità LA PRIMAVERA MERANESE

Attualità

LA PRIMAVERA MERANESE

 DSC5307

Ci sono sempre tanti motivi per farsi stupire da Merano. Lo sanno per primi coloro che ci vivono, e che non smettono mai di lasciarsi sorprendere. Anche e soprattutto in primavera, la stagione in cui, scrollati di dosso i torpori invernali, la città fiorisce e dà il meglio di sé. È su questo scenario che, per il terzo anno consecutivo, l'Azienda di Soggiorno, assieme al Comune e altri partner, nonché coinvolgendo i paesi di Tirolo, Scena e Naturno, manda in scena la Primavera Meranese.

A PIEDI, IN BICI
La manifestazione, che si sviluppa in aprile e maggio, valorizza lo straordinario patrimonio di cui Madre Natura ha dotato questo territorio. La mano dell'uomo lo celebra e cerca di migliorarne la fruibilità. Cosa significa? Significa tante iniziative, ma anche l'apertura di nuovi luoghi e opportunità dove godere della natura e delle sue proprietà "rigeneranti". Camminando, sostando, pedalando, per tracciati cittadini ma anche nei dintorni fra prati e frutteti, accessibili e facilmente percorribili. Oppure spingendosi ad alta quota a caccia di paesaggi alpini e vedute su vette e valli. La Primavera Meranese è un invito a prendersi del tempo per se stessi, ad alzare gli occhi e a respirare a pieni polmoni per godere delle bellezze di questo straordinario territorio.

LE "FIGURE FLOREALI"
In vari luoghi del centro, soprattutto sul Lungo Passirio, danno sfoggio di sé le "figure floreali" realizzate principalmente dalle Giardinerie e dal Cantiere comunale, due team che ogni anno con maestria ricamano per la città un vestito fresco e sorprendente.
È lunga e ricca la tradizione meranese nell'ars topiaria, la potatura e cura di alberi e arbusti finalizzata a dare loro forme artistiche e ornamentali. Ne sono piene le cartoline che hanno promosso l'immagine di Merano in tutto il mondo. Per esempio i cavalli con fantini a evocare il richiamo dell'ippodromo di Maia, oppure l'Atlante che regge il globo presso la cascatella della passeggiata Gilf in compagnia del picchio, del serpente e dell'aquila. Creazioni che sono entrate nel cuore dei meranesi ancor prima di ammaliare gli obiettivi dei turisti. Alle figure "classiche" se ne aggiungono altre, alcune nuove alcune ripristinate: la ballerina, l'uovo gigante, le colombe in volo, i panda, il campanile del Duomo di San Nicolò circondato da "green graffiti" che ne esaltano la sagoma.
Anche Scena, Tirolo e Naturno presentano le loro installazioni artistiche. Rispettivamente, le panchine di primavera al mausoleo di Castel Scena, l'aquila di ligustro davanti all'ufficio turistico di Tirolo e i 3 mountain bikers nella rotatoria all'ingresso di Naturno.

FIORI PER SISSI
In omaggio all'ospite più celebre di questi luoghi, l'imperatrice Elisabetta d'Austria, nel parco a lei dedicato la statua di Sissi è ingentilita dalla fioritura di crochi con uno dei colori ufficiali del giubileo "700 anni città di Merano" che si celebra in questo 2017 con tante iniziative (info: www.700xM.it): è il lilla-bordeaux che si riferisce alla tradizione vitivinicola. Trova espressione pure il gemellaggio con Salisburgo i cui giardinieri decorano l'aiuola della Promenade davanti al Kurhaus (e riappare la replica del "Germaul", la smorfia con giochi d'acqua di castel Hellbrunn).

NUOVE OPPORTUNITÀ
La stagione riserva tre importanti aperture che instaurano nuovi dialoghi fra la città, la natura e le possibilità di relax. Sull'esempio delle terrazze presso le Terme, lungo la Wandelhalle (Passeggiata d'Inverno) viene ultimato un secondo accesso al torrente Passirio, opportunità ulteriore per godere l'ambiente fluviale e rimarcare il legame fra Merano e l'elemento acqua. Per la prima volta nella sua storia, l'ippodromo rende accessibile un'area all'interno delle piste: è il cosiddetto "campo di polo" dove, in un recinto circolare delimitato da siepi, si viene accolti da prati fioriti e tracciati per camminare, fare jogging o praticare il nordic walking. È inoltre aperto il passaggio di collegamento fra la passeggiata Gilf e l'area naturalistica e ricreativa di Lazago, sulle sponde del Passirio appena fuori dal nucleo urbano.
"COLLEZIONARE MERANO"
Sin dalla prima edizione, alla Primavera Meranese corrisponde la pubblicazione di un libro d'artista per bambini (Corraini Edizioni). Vi sono associati degli "atelier viaggianti", momenti di divulgazione, di sperimentazione e di creatività rivolti a bimbi e famiglie.
Quest'anno l'autore del racconto, intitolato "Collezionare Merano", è lo statunitense Steven Guarnaccia: come nel caso dei predecessori Harriett Russell (Regno Unito) e Katrin Stangl (Germania), un autore di fama internazionale chiamato a interpretare in una storia illustrata il patrimonio paesaggistico della città. La collezione di libri si ispira a Ópla, l'archivio del libro artistico per bambini, patrimonio della Biblioteca civica di Merano. Il designer americano narra di Ava e Otto, due bambini che provengono, rispettivamente, da Roma e da Berlino. Entrambi sono insaziabili collezionisti di meraviglie: Ava cerca foglie di piante inconsuete, Otto è sempre a caccia di cupole. Si incontreranno a Merano, a metà strada fra le loro due città, per proseguire la loro ricerca. In cosa s'imbatteranno tra le vie e all'ombra della Polveriera?
Al libro è dedicato lo "scrigno dei tesori", opera di land art della scuola Laimburg collocata al parco Marconi.

IL SALOTTINO DEI FLORICOLTORI
Cinque giardinerie presentano la "Paletten-Lounge", un originale "salottino" di bancali rigogliosamente adornati di piante, comprendente un tavolo, delle panchine e altri elementi per sedersi. Un fresco e originale tocco primaverile alla centralissima piazza Terme.
E ancora... La primavera Meranese si esprime in ulteriori, originali iniziative e un vestito fiorito che ingentilisce tutta la città. I Portici sono adornati con speciali elementi decorativi (ghirlande e ombrelli fioriti) e, al calar della sera, con un'illuminazione d'atmosfera. In piazza della Rena delle sedie a sdraio invitano a indugiare godendosi i tepori della stagione. Inoltre dalla fine di aprile, grazie a un'iniziativa di bookcrossing avviata dalla Biblioteca Civica due anni fa, è possibile trovare, scambiare e - volendo - donare libri.

GIARDINI TRAUTTMANSDORFF
E TERME MERANO
In questo scenario che strizza l'occhio alla natura e al benessere, si esaltano due delle icone della città: i Giardini di Castel Trauttmansdorff che, sostenuto da più riconoscimenti anche di livello internazionale, è entrato nel circuito dei parchi botanici più belli al mondo. E poi le Terme Merano, un'oasi dedicata al relax ma anche al divertimento per le famiglie, in pieno centro: piscine di varie dimensioni, un ampio reparto sauna, i trattamenti con i prodotti altoatesini quali il pino mugo, l'uva, la stella alpina, le erbe officinali.
Info: www.trauttmansdorff.it, www.termemerano.it

SETTIMANE GASTRONOMICHE
Nella prima metà del mese vari ristoranti di Merano dedicano i loro menù a iniziative speciali, animando ulteriormente una già vivace gastronomia che vive sull'alternanza e il dialogo fra prodotti e tradizioni alpine e influenze mediterranee. E proprio a questo tema si ispirano le settimane gastronomiche di aprile (fino al 15), mentre le prime due di maggio sono all'insegna delle Veggie Weeks.

AL GALOPPO
Gloria della città, l'ippodromo apre la sua stagione con le tradizionali corse dei cavalli Haflinger (lunedì di Pasqua, 17 aprile). Le competizioni pomeridiane sono precedute dalla sfilata mattutina in centro città. Le corse dei cavalli purosangue, e in special modo quelle in ostacoli, cominciano domenica 21 maggio.
Info: www.meranogaloppo.it e www.haflinger.eu

DI CORSA
Nella Half-Marathon Merano-Lagundo, circa 1.500 atleti si misurano lungo un percorso di 21,5 km fra le vie più suggestive dei due comuni limitrofi. In concomitanza con la mezza maratona viene organizzata la "Corsa popolare run4fun di Merano": con una lunghezza di 4,2 km, è dedicata a corridori amatoriali, Power e Nordic-Walker e non ha carattere agonistico (età minima 12 anni).
Info: www.marathon-meran.com

YOGA PER LA PACE
È in programma dal 5 al 7 maggio la settima edizione di "Merano in Yoga", la manifestazione dedicata tanto ai cultori del settore quanto a chi cerca un primo approccio allo stesso. L'evento ha trovato a Merano, e dunque in un territorio ponte fra culture che ha fatto della qualità della vita e del benessere la propria vocazione, la sua collocazione ideale. Leitmotiv di quest'anno sarà "Yoga per la pace". Sono previsti 21 seminari condotti da maestri yoga delle più importanti tradizioni, nonché una serie di open class che si susseguono durante tutti i giorni del meeting.
Yoga Meeting Merano è una occasione ormai tradizionale per conoscere maestri importanti, anche stranieri. Partecipano a questa edizione Carlos Fiel dalla Spagna, Ruth Banjac da Basilea, Clemens Frede da Amburgo.
Il palazzo liberty del Kurhaus, le sue ampie sale luminose accolgono sia i praticanti yoga esperti sia chi vuol fare una prima esperienza, proponendo classi adatte ai vari livelli.
Walter Rhuta avvicina ad un'autentica tradizione indiana, Tite Togni mostra uno yoga che aiuta anche lo sport, Barbara Wöhler si rivolge alle esigenze specifiche delle donne, Antonio Nuzzo è portavoce della sapienza dell'hatha yoga, Marion Inderst, Giulia Moiraghi e Marcella Tanchis sono il volto appassionato del vinyasa yoga, Piera Hartejbir Kaur porta la tradizione del Kundalini, Camilla Piantanida il lavoro sul simbolico, Clemi Tedeschi e Quirino Bartoli lo yoga Samathva, Christian Francescani introduce al potere dei sirtaki e della meditazione e Italo Bertolda e Ginevra Sanguigno al lavoro sul sociale nelle zone di conflitto.
Info: www.yogameeting.org

Azienda di Cura, Soggiorno e Turismo Merano
tel. 0473 272000
www.merano.eu Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Se vuoi leggere tutti gli articoli dell'ultimo numero di MCG puoi ricevere la rivista cartacea a casa tua effettuando un bonifico bancario di 15 euro, intestato a:
Morelli Media Partner
Via Dante Alighieri 4
46040 Gazoldo Ippoliti Mn
Pi: 01610350207
Bonifico bancario a MONTE PASCHI DI SIENA
FILIALE DI GAZOLDO DEGLI IPPOLITI
sul c.c. n° 100464,78 intestato a Morelli Media Partner
IBAN: IT 39 R 01030 57640 000010046478
BIC: PASCITM1038
e invia una mail con l'indirizzo corretto a cui dovrà essere spedito il giornale a:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

LAST MINUTE

Natura e Ambiente