AREA RISERVATA

Login to your account

Username
Password *
Remember Me
Back Sei qui: Home Attualità KATIA DA ROS. UN'IMPRENDITRICE IN CUCINA

Attualità

KATIA DA ROS. UN'IMPRENDITRICE IN CUCINA

image25

E' donna, mamma, imprenditrice di successo dell'Irinox, azienda trevigiana che dal 1989 è riconosciuta in Italia e nel mondo come leader degli abbattitori rapidi di temperatura per le cucine domestiche e professionali, apre le porte della sua casa e ci racconta cosa significa per lei cucinare.
Una vita trascorsa tra impegni privati e professionali, viaggi e il tempo dedicato alla figlia; ma sempre con una particolare attenzione al cibo che per Katia è «memoria, ricordi, consapevolezza e responsabilità».
Katia, con delicatezza, nel suo primo libro "Un'imprenditrice in cucina. Ricette tra freschezza e tecnologia" (Linea Edizioni) con la prefazione di Davide Paolini, il Gastronauta, racconta di quando era bambina e raccoglieva le ricette in un album con il desiderio di poter cimentarsi a fare la cuoca per assemblare la materia; di come la tecnologia abbia cambiato la sua vita aiutandola a gestire la cucina e la sua alimentazione.
"Un'imprenditrice in cucina" racchiude il desiderio di condividere la sua esperienza con gli altri: «Cambiare è possibile e vorrei spiegare come sono riuscita a migliorare la mia vita».
Cosa ci fa un'imprenditrice in cucina?
«Ho un rapporto intimo con la cucina: per me lavorare la materia prima rappresenta un modo per staccare con il mondo esterno. La ritualità dei gesti, il toccare e il lavorare gli ingredienti, la ricerca di armonie o contrasti... in tutto questo la mia mente si libera e riesco a creare un rapporto personale, davvero intimo, con il cibo. È un piccolo miracolo quando gli ingredienti si trasformano e diventano ciò che avevi immaginato. In tutto questo ci sono amore per ciò che si fa, gusto per le cose fatte bene, artigianalità nel senso letterale del termine, ovvero di chi esercita un'arte, e tanta curiosità e voglia di sperimentare. Caratteristiche che sono proprie anche del mestiere, bello e difficile, dell'imprenditore».
Dove trova il tempo per cucinare?
«Organizzazione, altra dote che mi deriva dal mio essere imprenditrice (e prima ancora dall'essere mamma). Mia figlia Giorgia, di 14 anni, richiede le giuste attenzioni e ogni momento libero cerco di dedicarlo a lei. Poi c'è il lavoro che richiede impegno, viaggi, tempo e la vita fuori azienda, tra Confindustria e i consigli di amministrazione a cui partecipo. Non posso negare, perciò, di non trascorrere in cucina quanto tempo vorrei, ma cerco di ottimizzarlo al meglio. Anche perché cucinare è un modo di prendermi cura dei miei cari».
Questo è il suo primo libro: cosa l'ha spinta a scrivere?
«Il desiderio di condividere la mia esperienza, il mio amore per le cose buone e fatte bene e la consapevolezza di poter dare qualche suggerimento alle tantissime persone che, come me, hanno i minuti letteralmente contati. Viviamo in una società iperveloce e piena di stimoli e rimane poco tempo per far la spesa, cucinare, variare le ricette, seguire le stagioni e, in buona sostanza, per mangiare bene e sano tutti i giorni. La tecnologia, in questo senso, è un formidabile aiuto: favorisce l'organizzazione famigliare, aiutandoci a preparare e conservare i cibi in maniera sana ed equilibrata. Grazie alla tecnologia, diventa possibile volersi bene e concedersi qualche coccola culinaria, pur con poco tempo a disposizione. E sprecando il meno possibile, per non dire nulla: non è più accettabile buttare il cibo».
Qual è il suo rapporto con il cibo?
«Il cibo racchiude tanti valori e tante emozioni: il mio è un rapporto diretto e sano. Credo che il cibo abbia la capacità di nutrire mente, spirito e corpo. La mente per l'elaborazione che necessariamente sottintende, lo spirito per i valori che richiama, il corpo per l'energia che il cibo ci dà. Aria, acqua e cibo sono gli unici elementi fondamentali per la vita. Ma il cibo è, decisamente, il più piacevole dei tre».
Ha un ricordo della sua vita che la lega al cibo?
«Ho sempre avuto un rapporto di attrazione verso il cibo, ne subisco il fascino e il grande potere seduttivo. Da adolescente, raccoglievo i testi delle canzoni in un diario, come tutti, ma in un altro volume custodivo le ricette più belle e insolite che ritagliavo dai settimanali. Ne ho catalogate centinaia e le conservo tuttora».
Quali sono gli elementi che caratterizzano le ricette raccolte nel suo libro?
«Sono ricette sane che utilizzano prodotti freschi e stagionali. Penso che consumare ciò che la natura ci offre in ogni periodo dell'anno sia una forma di rispetto. Rispetto verso noi stessi e verso la natura stessa. Spesso, invece, acquistiamo i prodotti senza pensare se sia la loro stagione, spinti più dalla comodità e dalle abitudini. L'abbattitore di temperatura, da questo punto di vista, aiuta a organizzare la propria vita e a garantire la salubrità della materia prima».Per lei la cucina è...
«Un momento di relax, convivio e gioia. Mi aiuta a staccare la spina e a chiudere tutto il resto fuori dalla mia cucina. Un vero balsamo per l'anima».
Lei è imprenditrice di successo: come coniuga i suoi impegni professionali con la cucina?
«Come per tutte le persone impegnate, indipendentemente dalla loro professione e dalla loro responsabilità, la parola d'ordine è organizzazione, ma è utile avere qualche aiuto e in questo la tecnologia è un ...

Se vuoi leggere tutti gli articoli dell'ultimo numero di MCG puoi ricevere la rivista cartacea a casa tua effettuando un bonifico bancario di 15 euro, intestato a:

Morelli Media Partner

Via Dante Alighieri 4

46040 Gazoldo Ippoliti Mn

Pi: 01610350207

Bonifico bancario a MONTE PASCHI DI SIENA

FILIALE DI GAZOLDO DEGLI IPPOLITI

sul c.c. n° 100464,78 intestato a Morelli Media Partner

IBAN: IT 39 R 01030 57640 000010046478

BIC: PASCITM1038

e invia una mail con l'indirizzo corretto a cui dovrà essere spedito il giornale a:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

LAST MINUTE

Natura e Ambiente